Vinili fuori dal comune vol. 1 – Cetacei canterini

La musica non conosce limiti, soprattutto quando è stampata in vinile. Ma a volte vengono pubblicati dischi assurdi e fuori dal comune. Nel vol. 1 di questa rubrica vi presentiamo un disco in cui a cantare sono i… pesci!

Quello che è certo è che anche se alla creatività non c’è limite, qualche volta sarebbe meglio non fosse così.

Anche il mondo dei vinili, infatti, non è immune da stranezze e bizzarrie. E allora capita di trovare dischi assolutamente unici, dal contenuto assolutamente improbabile, al punto che a volte ci si chiede come sia stato possibile concepire idee del genere.

Avremmo voluto metterli in ordine, ma capite bene che fare una classifica avrebbe voluto dire mettersi a fare confronti tra dischi che di per se stessi non hanno paragone. Così abbiamo deciso di fare delle monografie brevi su alcuni di questi vinili decisamente fuori dal comune

Il disco di oggi è stato inciso tra le Bermuda e Capo Verde, ma poco ha che fare con musica etnica o tribale.

I testi delle canzoni sono di difficile comprensione e, anzi, hanno messo non poco in difficoltà i critici che hanno provato ad interpretarle.

Cosa assolutamente da sottolineare è il clamoroso ritorno di pubblico che tale “opera” ha avuto. Questo singolo, infatti, ha fatto vendere in quarant’anni circa 10 milioni di dischi, la cui prima versione, tuttavia, è uscita in vinile come allegato alla rivista National Geographic.

Forse è tempo di svelare l’arcano. Il vinile a cui facciamo riferimento è “Songs of the Humpback whale”, uscito nel 1970.

R-516885-1126550305.jpeg
Avete capito bene, un disco fatto di canzoni cantate da megattere, dei grandi cetacei, che a detta degli studiosi sono animali in grado di cantare con tono, accento e modulazioni diverse delle vere e proprie serenate alle proprie compagne. Addirittura sembra possibile distinguere contenuti diversi ma sempre a tema amoroso (sono stati individuati canti che veicolano frasi diverse, come “ti amo” oppure “resta con me”).

È proprio vero, la musica non conosce limiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...